• image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
Previous Next
Home > Insetti Curiosità > mantide "La Battaglia"
mantide "La Battaglia"

L’allevamento di due mantidi in cattività mi ha permesso di studiare, in un discreto lasso di tempo, la loro spiccata predisposizione alla battaglia e le strategie d’attuazione. La gabbia all’interno della quale le ho rinchiuse, mi è stata utile a controllarle e nutrirle tutti i giorni. Il menu era sempre composto prevalentemente da ortotteri di vario genere, pasto che prediligono. Un periodo che mi è servito per capire più a fondo comportamenti e reazioni in situazioni di cattività. Nel rifornirle il cibo giornaliero, mi colpiva l’aggressività che manifestavano nell’afferrare il bottino. Al contrario rimasi meravigliato nel vedere la differente impostazione strategica, alla presenza di un avversario dello stesso sesso. Incuriosito da questo comportamento, e cosciente della natura di quest’animale, decido d’interrompere l’alimentazione spontanea, per stuzzicare ulteriormente l’aggressività e accelerare lo scontro tra le due femmine nella cella. Un modo, mi son detto, che mi sarebbe servito a verificare, se la calma apparente fra le due, fosse dovuta alla presenza del cibo, oppure al fatto che fra loro ci fosse un costume naturale di non belligeranza. Per un’attimo ho pensato, a causa della lunga pausa fra le contendenti, che se ne stessero in disparte perché sazie per i pranzi luculliani, propinategli. Ho anche tentato d’istigarle alla lotta sovrapponendole addirittura una sull’altra, senza riuscire ad ottenere lo scopo che mi ero prefissato. Alla fine decido di lasciarle libere, pensando che molto probabilmente saranno loro a decidere il momento, il metodo e il posto dove combattere. Esse, infatti, si allontanano una dall’altra, sostando in un luogo d’osservazione strategico che possa permetterli di studiare le mosse dell’avversaria. La femmina verde si pone da un lato della gabbia, quella più scura dalla parte opposta. Dopo un po’ di tempo, come per incanto, entrambe danno il via a dei riti preliminari, che suppongo preludano l’attacco. Già! Madre natura ha stabilito a priori la tattica d’usare nei confronti di un’altra mantide, altrettanto pericolosa e scaltra. Molto particolari i gesti delle due contendenti. Esse si muovono roteando gli occhi senza spostarli un attimo dall’avversaria, spiandone ogni eventuale mossa e movimento. Preliminari che danno inizio ad una tattica d’accerchiamento, usata dai guerrieri d’antica memoria, prima di sferrare l’attacco finale. Dopo questa fase, infatti, la mantide verde da inizio, con un puff.puff.. (urlo di guerra), alla tenzone. Un passaggio che segnala un’altra fase, che annuncia un’ ulteriore recrudescenza del conflitto imminente. La mantide verde rispondendo con un puf.. puff.. altrettanto appariscente e forte, segnala d’accettare la sfida e rilancia. Un’aggressione verbale che dura moltissimo. Esse, infatti, per spaventare l’avversaria, mostrano come si direbbe, i “muscoli”, improvvisando le pose più curiose come: il rigonfiamento dell’addome insieme alla roteazione delle ali a ventaglio, come fossero spade. Finita la pantomima e capito il momento propizio la femmina verde, decide finalmente di sferrare l’attacco incrociando le spade raptatorie con quelle dell’avversaria. Pochi secondi e la femmina verde si avventa e addenta per prima le “lame taglienti” dell’avversaria, “disarmandola”. Una mossa decisiva, a chi riesce per prima, che rende il compito più facile nel corpo a corpo. A questo punto la femmina che è riuscita a rendere innocua l’avversaria, sposta le sue attenzioni ai centri vitali come la testa, lasciando per ultimo le parti tenere e meno pericolose della mantide sconfitta. Un finale che avevo già previsto, poiché la femmina più scura, mi era sembrata indebolita dalla precedente deposizione delle uova, e per questo meno motivata e più stanca. “La mamma” che doveva ancora depositare le uova della sua “prole”, forse, aveva una forza d’animo maggiore per sopravvivere, giacché non poteva mancare l’importante appuntamento, ultimo compito della sua vita.

 

 

 

Pasto cavallette 2

 

Pasto cavallette 1

 

pasto con farfalla 1

 

pasto con farfalla 2

 

Posizionamento strategico

 

Controllo

 

Controllo 1

 

Spostamenti 1

 

Spostamenti

 

Preparativi dattacco

 

Preludio dattacco

 

Attacco imminente

 

Attacco

 

 

Disarmo

 

Centri vitali

 

Trofeo